Home > Tetti E Coperture > Isolamento Tetto Legno Soluzione Ideale Casa Mia 08 08 2017

isolamento tetto in legno: soluzione ideale per casa mia?

mi sono deciso ad intervenire sul tetto di casa per risolvere un problema di isolamento. Il tetto è in legno, composto da travi e perline e non è isolato superiormente, nel senso che subito sopra ci sono le tegole. In inverno è molto freddo e in estate è una fornace.

L'isolamento è invece posto sulla soletta, anche se ormai molto vecchio e disfatto. Originariamente credo 10 cm di lana di roccia o vetro, che nel tempo sono diventati pochi cm. Pochi giorni fa durante un acquazzone, l'acqua è passata attraverso le tegole e l'isolamento si è inzuppato tutto, facendola penetrare fino al piano sotto. 

Per un tetto in legno come il mio, volendo rimuovere il materassimo posto sul solaio, quale tipologia di isolamento è più efficace? Si può intervenire dall'interno dell'abitazione, senza dover per forza lavorare da sopra la copertura (evitando così di installare il ponteggio)?

2 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Innanzitutto va chiarito che per tipologia è da intendersi la tecnologia costruttiva (e quindi il tipo di prestazione termoigrometrica del pacchetto) adottata ed adattata al caso specifico. In maniera piuttosto generica e generale si annoveranono due tipologie di intervento:
- Isolamento dall'esterno (più efficace ed adatta ad uso continuativo)
- Isolamento dall'interno (più adatta ad uso stagionale o soluzione inevitabile in casi di ristruttturazione o vincolo)

Per ciò che riguarda il tetto, nel tempo sono state sperimentate ed adottate almeno due categorie:
- Tetto Caldo (strati accoppiati all'estradosso del solaio)
- Tetto Freddo o ventilato (strati accoppiati all'estradosso ed intercapedine ventilata)

- Tetto Rovescio è una variante del Tetto Caldo laddove la posizione dell'impermeabilizzazione-isolante è invertita.

Sicuramente, pena il maggior costo di esecuzione (di seguito un riepilogo) il tetto ventilato è la solzione che sta ricevendo maggior consenso, specie se abbinato a soluzioni c.d. di Bioarchitettura o Bioedilizia (termini che francamente riteniamo ridondanti, poichè la norma sarebbe costruire con determinati criteri): il vantaggio è apportato proprio dalla camera di ventilazione posta sotto il pannello coibente-guaina che garantisce una minor escursione termica e sopratutto una temperatura pressocchè costante (oltre che più bassa degli strati superiori).

Queste le configurazioni più usate:
A. Tetto CALDO

int
- Solaio di copertura (laterocemento, assito ligneo, o strato architettonico: massetto ecc.)
- Freno/Barriera al Vapore
- Pannello coibente (fibre naturali o plastiche cellulari. es. PU espanso rigido) - c.ca 60-100 mm
- Guaina o membrana elastopolimerica (impermeabilizzante)
- Manto di copertura (tradizionale in laterizio, lamiera ecc.)
ext

Le lavorazioni prevedono lo smontaggio, pulizia ed accatastamento dell'attuale copertura, la rimozione dei pannelli ed impermeabilizzanti deteriorati, decoesi o incoerenti, la posa del nuovo "pacchetto" ed il rimontaggio della copertura - c.ca 60 €/mq

B. Tetto FREDDO

int
- Solaio di copertura (laterocemento, assito ligneo, o strato architettonico: massetto ecc.)
- Freno/Barriera al Vapore
- Pannello coibente (fibre naturali o plastiche cellulari. es. PU espanso rigido) - c.ca 60-100 mm inframezzato da listello ligneo (30x60-100 mm)
- Intercapedine d'aria orizzontale (s= 50 mm), realizzata con contro-listello ligneo sovrapposto (40x50 mm)
- Assito ligneo di chiusura (osb s = 2 cm)
- Guaina o membrana elastopolimerica (impermeabilizzante)
- Travicello di bordo e mascheratura in lamiera microforata sottocopertura (liv. gronda)
- Manto di copertura (tradizionale in laterizio, lamiera ecc.)
ext

Le lavorazioni prevedono lo smontaggio, pulizia ed accatastamento dell'attuale copertura, la rimozione dei pannelli ed impermeabilizzanti deteriorati, decoesi o incoerenti, la posa del nuovo "pacchetto" ed il rimontaggio della copertura - c.ca 80-120 €/mq

I prezzi indicati sono relativi ad interventi analoghi fatti eseguire a ns ditte specializzate su porzioni di fabbricati o ville, e pertanto sono da intendersi realistici.

 

La soluzione di coibentare dall'interno, oltre a non risolvere i ponti termici, risulta a nostro avviso una mera alternativa economica in cui il beneficio ricavato non è equiparabile alle soluzioni corrette. Per avere un ordine di spesa (fermo restando che si dovrebbe comunque intervenire sulla copertura per impermeabilizzarla: c.ca 20-35 €/mq con doppia guaina bituminosa, o c.ca 30-50€/mq con membrana liquida tipo mapelastic):

C. Dall'interno
Controsoffittatura in cartongesso o gessofibra e relativa sottostruttura, coibentato con materassino in pannello rigido di PU s= 5 cm: 70-80 €/mq

 

AF+G ARCHITETTI - Roma

 

 

Mar, 9:18 afpiug
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

concordo appieno con i colleghi.

Sono sempre più che esaustivi nelle risposte che forniscono su questo sito.

Complimenti!

Mer, 17:19 m.gabriele
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS