Home > Servizi Professionali > Vorrei Tanto Avere un Rendering Fotorealistico 11 05 2017

vorrei tanto avere un rendering fotorealistico!

Sono curiosissima di poter vedere con delle immagini, l'aspetto della mia abitazione al termine della ristrutturazione che a detta dell'architetto durerà 3 mesi. Faccio veramente fatica a capire alcuni disegni e sopratutto siamo in procinto di iniziare i lavori e non ho idea dei colori delle stanze, piastrelle e di alcuni mobili.  Ho parlato all'architetto (amica di mia madre) che però non può (o forse non vuole) aiutarmi con dei rendering che ho visto ormai essere molto diffusi. Ho provato a far qualcosa in casa con dei programmi scaricati, ma meglio lasciare perdere.

Posso eventualmente chiedere ad un professionista di realizzarmi un rendering fotorealistico? Rischio di compromettere il rapporto con il mio tecnico (non vorrei offenderla)? E' indispensabile per chi come me non ha molta fantastia o devo lasciarmi trasportare dall'architetto e fidarmi anche senza capire quale sarà il risultato finale?

6 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 4.
Risposta:

La prassi vuole, almeno fino all'avvento della computer grafica, ovvero poco più di 30 anni orsono, che un architetto sappia rappresentare come è consuetudine e convenzione, il progetto in ogni suo dettaglio, ricorrendo anche a soluzioni complementari al disegno canonico (piante, prospetti, sezioni, assonometrie, viste prospettiche ecc.) quali ad esempio il plastico architettonico.

Laddove però la complessità della percezione spaziale viene meno, per ovvie questioni dimensionali, limiti impliciti ecc. (es. ristrutturazione di interni), è evidente che gli elaborati tecnico-compositivi debbano essere integrati, dovendo e potendo toccare con mano gli elementi che compongono lo spazio, quali materiali, decori, superfici, arredi, ecc.

Poichè un rendering, sopratutto fotorealistico, ha un costo che supera tranquillamente diverse centinaia di euro e poichè non è detto (né tantomeno requisito essenziale) che un architetto abilitato possa o sappia produrre tale elaborato, tornando ai "vecchi metodi" sempre efficaci, per nostra esperienza diretta (pur integrando in molti casi i nostri lavori con elaborazioni digitali - sia 3d che manipolazioni fotografiche, per evidenti motivi di necessità comunicativa e/o per una espressività ed immediatezza delle proposte, prima che vengano realizzate: simulazioni - Fig.1), proponiamo sempre l'affiancamento di elaborati grafici e schizzi a campioni materici, da toccare con mano e poter valutare anche sul sito dell'intervento.

 

Fig. 1

A dimostrazione di ciò, una metodologia che riteniamo efficace e che abbiamo affinato con gli anni è quella della moodboard, ovvero un piano d'assetto del progetto definitivo in cui l'elaborato tecnico è affiancato dalla sua restituzione materica bi/tri dimensionale e dall'accostamento con materiali, complementi ed elementi di arredo: questo "elaborato" (che è piuttosto una composizione di elementi significativi) serve a far immedesimare il committente nel progetto - Fig. 2, e talvolta abbiamo riscontrato ci riesce anche più di un oneroso rendering fotorealistico (d'altronde la stessa architettura si compone per costruzione non per elementi virtuali).

Fig. 2

Detto questo è evidente che debba in ogni caso esservi un rapporto di fiducia con l'architetto e che egli da parte sua debba mantenere una integrità ed indipendenza intellettuale, ma d'altra parte non può certo esimersi dal coinvolgere il committente: non credo sia offensivo da parte sua una richiesta del genere, piuttosto la questione è che chiunque (per deontologia non può essere contemporaneamente un altro collega) riceva l'incarico di realizzare le immagini del progetto, debba in ogni caso, rispondere alle indicazioni dell'architetto, o ne verrebbe meno il rispetto per il ruolo che egli ricopre nel suo ambito di assoluta e specialistica competenza.

AF+G Architetti - Roma

Ven, 18:44 afpiug
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Mi permetta una battuta: di solito il Professionista produce ciò che gli viene richiesto in fase di contratto.

Le ho voluto esplicitare questo perchè a livello deontologico non si può lavorare senza un contratto che espliciti le prestazioni, i costi, i tempi e gli obblighi, questo serve a tutelare sia Lei cliente e anche il Professionista.

Sempre a livello deontologico nessun Professionista può accettare una prestazione professionale che non è in grado di svolgere e pertanto deve esplicitarle se la prestazione verrà effettuata da altri.

Altra questione di carattere deontologico (e che anche questa problematicità è presente nelle sue domande) è capire appunto il tipo di incarico che ha sottoscritto con la Professionista (amica di sua madre) in maniera tale che se lei non vuole (o non può) farle i Render a quel punto lei può tranquillamente incaricare altri Professionisti. L'importante è parlarsi e chiarirsi ante e non post.

Un'ultima considerazione o se preferisce lo prenda come un consiglio.

Se non è convinta o peggio non ha capito ancora il risultato finale (e vedendo che ci sono tre mesi di lavori, quindi presumo sia una bella e pesante ristrutturazione) se fossi in lei vedrei di analizzare al meglio tutto il progetto (soprattutto anche per la questione costi e reali tempi di esecuzione) perchè si ricordi che una volta partito il cantiere (e quindi con le prime demolizioni) oltrepassa il famoso "punto di non ritorno" e poi i famosi "non avevo capito" o "non me lo hai detto" o peggio ancora "non l'avevo visto" le faranno passare notti insonni.

 

Lun, 13:27 seghezziarchitettura
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Certo che può chiedere ad un professionista di farle i rendering, è un'attività ormai molto diffusa e molto richiesta.

La avviso, però, che il rendering (fatto bene) ha dei costi ancora notevoli.

Tanti clienti dicono "vale la pena di spendere così tanto per delle foto che poi vedrò? "

Ovviamente ha i pro e i contro come tante cose però il professionista che esegue i lavori non si deve offendere se un altro effettua una sua richiesta aggiuntiva.

Ven, 8:45 arch_dg
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Gli architetti Af+g sono sempre spettacolari nel saper rispondere illustrando ai clienti le soluzioni dei professionisti e dando anche utili suggerimenti a noi colleghi. Ciò detto concordo con tutti i miei colleghi sul fatto che richiedere un rendering abbia un costo tanto più alto quanto più è dettagliato e ricco di immagini e soluzioni. Per quanto riguarda l'architetto amico con sua madre credo che non glielo voglia fare semplicemente perché dovrebbe perdere del tempo e magari le ha già fatto un prezzo di favore sulla sua parcella, non penso che un architetto non sappia lavorare in 3D e sviluppare dei rendering da fornire alla propria clientela. Secondo me non crea nessun conflitto con l'architetto amico di sua madre in quanto egli stesso non ha voluto realizzare il rendering e quindi lei è libera di farlo fare da qualunque altro professionista

Lun, 10:59 m.gabriele
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Bounasera, come consigliato anche dagli altri colleghi aver una visione globale del progetto con render 3D è sempre auspicabile. Sicuramente richiederà uno sforzo economico in più, ma avrà un ottimo strumento per confermare o meno le scelte effettaute.

Le consiglio però di avvalersi sempre del suo architetto che conosce bene il progetto, che a sua volta si potrà avvalere di un collaboratore che Le potrà realizzare in render del suo progetto.

Saluti

Arch. G. Brilli

Mer, 18:02 giampaolobrilli
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Trovo che la sua idea sia ottima. Mi chiedo come si possa affrontare un investimento di questo tipo, senza avere idea del risultato finale. Il suo architetto ha provato con campionari e disegni a farle immaginare il risultato finale, ma senza riuscirci. Sarà quindi per lei un aiuto. In questo lavoro è meglio essere il più chiari possibili onde evitare malintesi che rendono scontento il committente.

Maria Federica Negro di Lifting-House di Reggio Emilia

Lun, 12:34 lifting-house
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Trova Professionisti GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi Parere GRATIS