Home > Ristrutturazione Bagno > Rifacimento Completo di Due Bagni con Detrazioni Fiscali 16 02 2016

rifacimento completo di due bagni con detrazioni fiscali

Leggendo sul vostro siti vari articoli e domande ho ancora il seguente dubbio: è possibile accedere alle detrazioni fiscali se si vuole ristrutturare completamente due bagni? Ho necessità di riqualificare completamente due bagni (senza spostamento di pareti), dal rifacimento degli impianti, alla sostituzione di tutti i sanitari e la sostituzione dei rivestimenti.

Quello che ho letto è le sole opere oggetto di detrazioni fiscali sono le opere di manutenzione straordinaria (mentre il bagno è considerata manutenzione ordinaria).

Trattandosi di manutenzione ordinaria non dovrebbe essere possibile detrarre fiscalmente nulla (per legge le opere di manutenzione ordinaria sono deducibili sono in caso di opere condominiali).

E' anche verò che sento costantemente dire che il bagno è deducibile (giusto per fare un esempio anche nelle televendite in televisione nel caso della sola sostituzione di una doccia e dubito possano dire qualcosa di così completamente sbagliato).

Per favore potreste aiutarmi a chiarirmi le idee? Vorrei fare tutto correttamente ma non vorrei trovarmi  per via di un cavillo a non poter detrarre una spesa così rilevante.

7 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 4.
Risposta:

Prima di rispondere al quesito, è necessario fare una premessa importante: le varie tipologie di intervento non dipendono dalla destinazione d'uso di un locale, ma dalle opere di lavoro previste.

Le confermo che per le opere da lei indicate (rifacimento di impianti e rivestimenti, sostituzione sanitari, ecc.) la tipologia dei lavori non è quella di una manutenzione ordinaria, ma trattasi di manutenzione straordinaria a tutti gli effetti.

Infatti, quando si sostituiscono elementi edilizi o impianti, in tutto o in parte differenti da quelli esistenti, senza intaccare le parti strutturali, si rientra nella manutenzione straordinaria.

Pertanto, in relazione alle detrazioni fiscali, vedasi l'applicazione per detta categoria di opere.

Mar, 10:58 uomoambiente
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Assolutamente sì,

il rifacimento completo del bagno rientra negli interventi di manutenzione straordinaria, occorre sicuramente una Comunicazione di Inizio attività al Comune di appartenenza (CIA, CIL, DIL...), bisogna vedere se l'Ufficio Tecnico richiede l'Asseverazione di un professionista abilitato.

La agevolazione è del 50% sulle somma sostenute da detrarre dall'IRPEF in 10 anni con iva agevolata al 10% con un limite massimo di €. 96.000,00 per ogni unità immobilisre, se fattura l'Impresa esecutrice (se compra lei direttamente il materiale l'Iva è al 22%).

Unico adempimento oltre agli appositi bonifici "parlanti" per ristrutturazioni occorre verificare se è necessaria la notifica all'Asl competente.

Il mio consiglio è di rivolgersi comunque ad un professionista per evitare spiacevoli sorprese e trovare la soluzione migliore, anche le spese tecniche possono essere portate in detrazione.

Mar, 16:31 andrea.bonfanti
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Le suggerisco di dare un'occhiata a questo link diretto dell'Agenzia delle Entrate:

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+com...

Trattasi di un documento riassuntivo ben fatto dove vengono spiegate tutte le agevolazioni fiscali relative ai lavori edilizi e non (vedi agevolazioni per acquisto mobili), in particolare troverà una tabella esemplificativa dei lavori ammessi alle detrazioni ed una serie di esempi chiarificatori proprio della sua problematica.

 

Mar, 9:53 cristian.sporzon
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Se la ristrutturazione del bagno e eseguita totalmente con incluso impianti e sanitari rientra tranquillamente nella detrazione del 50% ed iva al 10% se prima casa.

Mar, 11:10 info_15
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

La prima cosa da fare é chiedere allo sportello per l'edilizia del suo comune se per suddetti lavori é necessario presentare un titolo abilitativo.

Se il titolo abilitativo non serve allora deve predisporre e conservare una dichiarazione sostitutiva d’atto notorio ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000, con allegata fotocopia di un documento di riconoscimento, in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed attestata la circostanza che gli interventi realizzati rientrano tra quelli agevolabili.

Come anche spiegato sul sito dell'Agenzia delle Entrate:

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Agevolazioni/DetrRistrEdil36/SchInfoDetrRistrEdil36/Comequando+DetrRistrEdil36/

Mar, 11:30 silviagambula
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Concordo con la prima risposta data, il rifacimento degli impianti, la sostituzione dei sanitari e dei rivestimenti rientrano nella manutenzione straordinaria pertanto si puo' usufruire della detrazione fiscale del 50% con iva agevolata al 10%.

Mar, 15:34 Davide Airaldi
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Confermo quanto già detto dai colleghi. Nel caso ci sia un adeguamento degli impianti e magari anche una diversa distribuzione dei sanitari, siamo in manutenzione straordinaria per la quale è necessario presentare una CILA. Inoltre la manutenzione straodinaria è detraibile ai fini fiscali.

Mer, 9:49 bcarchitetturaedesign
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS