Home > Riscaldamento E Climatizzazione > Scaldabagno Pompa di Calore O Gas 25 01 2018

scaldabagno a pompa di calore o a gas?

Vorrei installare un nuovo scaldabagno in uno dei due bagni, precisamente sopra la vasca da bagno. Sono già stati realizzati gli attacchi dell'acqua (ved. una delle due fotografie, sopra il lato corto della vasca opposto alla finestra).

Ho contattato idraulici, elettricisti, termotecnici e aziende produttrici e mi hanno fornito risposte contrastanti. Mi sono informato anch’io direttamente e ho appurato che siamo in "Zona 1" (in bagno e sopra la vasca), c'è chi mi dice che si può installare elettrico (con IPx4 e con cavo che esca subito dalla Zona 1) e non a gas, chi il contrario, chi cose intermedie.

A gas servirebbe con camera stagna e tiraggio forzato, e si tenga conto che lo scarico sarebbe a parete e non a tetto, e anche qui fior di pareri (ad es.: si può montare ad accumulo ma non istantaneo, perché inquina / disturba meno visto che non parte ad ogni apertura del rubinetto dell'acqua calda ma solo quando si svuota di un tot, etc.).

In alternativa si potrebbe montare in cucina o sul balcone della cucina, ma:

  • in cucina ad accumulo non ci sta;
  • sul balcone ad accumulo gela;
  • in cucina o sul balcone istantaneo c'è il problema dello scarico peggiore (se è vero) di uno ad accumulo.

Secondo il manutentore del condominio (al di là del problema "vasca"), lo scaldabagno a gas ad accumulo sotto i 5 kW circa va bene e istantaneo no, ma io non trovo differenze di Legge.

Secondo Ariston, vanno bene i loro modelli Nuos Evo e Velis Evo, secondo altri sono pericolosissimi sopra la vasca, e l'elettricista si rifiuta di certificare la posa.

Sarei orientato su uno di questi tre modelli Ariston:

  • VELIS EVO EU elettrico
  • NUOS EVO elettrico a pompa di calore
  • S/SGA FFI-E EU a gas.

Non saprei proprio se prendere uno scaldabagno a gas o a pompa di calore. Ormai non ci capisco più niente per questo mi rivolgo a voi sperando ci sia qualcuno di competente e preparato che possa darmi qualche suggerimento.

Grazie mille!

Filippo

clicca la foto per ingrandire
scaldabagno a pompa di calore_1
scaldabagno a pompa di calore_2
2 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Buongiorno Sig. Filippo,

sentendo tante persone immagino che ora in testa abbia una confusione pazzesca.

A prescindere da ciò, cercherò di andare per gradi essendo il più chiaro possibile.

  • Lo scaldabagno a gas con lo scarico a parete in Lombardia NON si può installare. Non so dove abita lei e in altre regioni se le normative possono cambiare. Questo dato è molto impotante perchè così almeno possiamo escludere una tipologia di generatore.
  • Altro dato omesso è: quante persone compongono o comporranno il nucleo famigliare? Tale ragionamento va fatto per capire l'eventuale accumulo necessario per potersi fare una doccia tranquillamente con un generatore ad energia elettrica per non rischiare di rimanere senza acqua calda. Quindi: se è lei da solo ovvero abita con un partner un accumulo da 80 litri può essere sufficiente per fare 2 docce calde da 3/4 minuti mediamente ma sicuramente non sufficiente per riempire una vasca da bagno ad una temperatura accettabile. Qualora foste in 3 con un bambino le consiglio di valutare direttamente un 110 litri di accumulo o superiore.

Bene.. scelta la taglia bisogna capire la tipologia.. elettrico o ibrido in pompa di calore?

Le differenze oltre che per dimensioni e prezzo sono tante. Ma vediamo di analizzare i modelli da lei indicati:

  • Il Velis evo è un ottimo apparecchio, molto versatile e dotato di centralina per gestire al meglio l'assorbimento di corrente oltre ad essere di design moderno ed elegante. L'enorme vantaggio del modello è che si può installare anche orizzontalmente e quindi potrebbe installarlo anche (per esempio) sul muro girato l'angolo della vasca ad un'altezza di 2 metri, in modo da non creare ostacoli, e quindi sarebbe sufficiente tirare i due tubi esternamente oppure fare una piccola traccia per i nuovi attacchi. Esiste anche nella taglia da 100 litri, di contro, ricordi che ha un assorbimento massimo di 1,5 kw (tradotto in costi in bolletta medio-alti);
  • Il Nuos evo è un top di gamma e perciò bisogna considerare anche l'investimento, è anch'esso dotato di centralina intelligente, ha la funzione green che consente di produrre l'ACS (acqua calda sanitaria) solo con l'ausilio della pdc (pompa di calore) abbattendo i consumi di corrente. In alternativa, un po' più compatta la versione con unità esterna come un normale condizionatore. Esiste la taglia da 110 litri. Personalmente (da possessore di nuos evo) le consiglio il nuovo Lydos hybrid che garantisce, dimensioni più compatte, assorbimento ancora minore e costo inferiore rispetto al Nuos. Di contro ha le dimensioni non indifferenti ed un ingombro visivo importante. Ha bisogno di almeno un canale d'aria per l'estrazione o la presa, il che significa che se lo installa nella zona vasca avrà un tubo diam. mm. 125 che le attraversa il bagno, NON si può installare orizzontalmente e necessità dello scarico condensa.

Detto ciò, sperando di averle tolto qualche dubbio, mi permetto di dirle di provare a pensare seriamente se la vasca è per lei fondamentale, perchè una soluzione potrebbe essere installare con una spesa irrisoria un box doccia e accanto (con gli attacchi già previsti), il nuovo Lydos hybrid 110 per farsi la doccia tranquillamente ma soprattutto non stare a pensare a, posso o non posso, dove, quando, bollette ecc..

Per darle un idea, abito con la partner in un appartemento di 75 mq, illuminazione full-led, elettrodomestici non recentissimi, acs con Nuos evo 80 e spendo di fisso 67 € bimestrali.

Per qualunque cosa. 

geometra Lorenzo Maggi, MCB progetti - Broni

 

Ven, 13:11 mcb progetti
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Salve come il collega precedente , risposta molto valida , le confermo che il gas sopra la vasca non si può installare . Le pompe di calore , inverter  non sono convenienti sopra i 55 gradi .

le consiglio di valutare una nuova tecnologia Boiler a fibra di carbonio senza resistenza e con un consumo di almeno il 30% inferiore a quello elettrico, oltre la durata del riscaldatotre a carbonio infinita e senza produzione di calcare , tecnologia italiana lo fanno a Milano lo vendono dappertutto su richiesta  costa dai mille euro in su, detrazione prevista di legge.

Giuseppe Scozzari

House Engineering

Gio, 14:03 GIUSEPPE SCOZZARI
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS