Home > Riscaldamento E Climatizzazione > Impianto Pompa di Calore Riscaldamento Pavimento 21 08 2017

impianto a pompa di calore per riscaldamento a pavimento

Un amico ha installato una pompa di calore per l’acqua calda e vorrei fare anch’io la stessa cosa, inoltre, vorrei approfittare del rifacimento dei pavimenti nella mia casa per installazione un impianto di riscaldamento con pompa di calore. Ho visto che esistono diverse tipologia di impianto. In base a quali parametri scelgo il tipo di impianto? Secondo voi quanto può costare (comprese opere murarie, attività professionali, se servono, ecc.) per un appartamento da 120 metri quadri ed è conveniente, ovvero i vantaggi giustificano il costo iniziale? Grazie

1 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Chiarito (per una maggiore facilitazione della interpretazione della risposta che segue) che per impianto si intende generalmente la totalità di una serie di dispositivi quali ad es. circuito di mandata, ritorno, ricircolo, derivazioni/centralina, terminali e generatore, e non quindi solamente identifcato con il tipo di generatore ("caldaia"), possiamo certamente affermare, sulla scorta dei nostri progetti realizzati in collaborazione con ditte specializzate:

- Il sistema radiante a bassa temperatura, specie se abbinato a dispositivi ad alta efficienza è il mezzo ideale per prestazioni, confort e costi di esercizio/manutenzione: la tecnologia del pavimento radiante è da considerarsi estremamente conveniente, in quanto lavorando a bassa temperatura (30-35°C), permette altrettanto di installare generatori a basso consumo (es. Pompe di calore elettriche, geotermiche ecc.) e comunque di lavorare con Dt (delta T = differenza di temperatura tra fluido di partenza da riscaldare e quello di riscaldamento) di molto inferiori ad un sistema tradizionale (temp. 70-80°C con Dt di 40-50°C). Oltretutto il sistema, estendendosi per una superficie molto ampia consente di climatizzare uniformemente l'ambiente.
- la scelta di un impianto andrebbe condotta da un tecnico. Pur tuttavia la domanda da porsi è piuttosto quella relativa al suo dimensionamento (certamente è logico scindere tra impianti di tipo industriale e quelli adatti ad uso civile-residenziale), alle opportunità tecniche, nonchè alle necessità (es. non si vuole un impianto ad aria ma si preferisce, appunto, un impianto radiante anche in luogo semplicmente di un tradizionale);
 

Veniamo ai numeri:
Il sistema funziona proprio grazie alla stratificazione di alcune componenti:

- pannello (bugnato) isolante in materiale sintetitco EPS/XPS/PU (plastiche cellulari/espanse) o materiali naturali (fibre di cocco, canapa, kenaf ecc.)
- tubazione flessibile
- massetto di completamento conduttivo (generalmente autolivellante a base anidrite)

Questo pacchetto difficilmente incontra spessori inferiori ai 3-5 cm per il pannello bugnato oltre 2-4 cm per il massetto a coprire.
Va comunque qualificato un progetto  per poter dimensionare e distribuire l'impianto.

Un impianto completo di buona qualità può costare 50-120 €/mq: compresa la posa del generatore,  il circuito, i collettori, valvole/testine termo o elettrostatiche, circolatori (pompe).
A questi si aggiunge il costo di una P.D.C. elettrica Aria-Acqua (es. RIELLO NEXT-POLAR MN 12 che sviluppa c.ca 12kw di potenza - ad "occhio" una capienza generosa per i suoi 120mq a patto che vi sia già un isolamento delle superfici - a fronte di appena 3 kw di assorbimento) c.ca 3500-3.800 €

Considerando anche i costi attuali medi dell'energia elettrica (se mettesse pannelli FV inutile dire che ha fatto Bingo!) e degli altri combustibili (metano, gpl, pellet ecc.) ciò significa che per produrre indicativamente 10.000kwh si spenderebbe:
- c.ca 600 € con tale sistema pdc-radiante
- c.ca 950 € con una caldaia a metano tradizionale-radiatori
- c.ca 750 € con una caldaia a condensazione-radiatori
- c.ca 1.800 € con una caldaia a GPL-radiatori
- c.ca 800 € con una caldaia a pellet-radiatori
 

A fronte di questa spesa può essere vantaggioso considerare il risparmio economico che ne deriva, ammortizzato bolletta per bolletta, anno per anno (ammortamento): in genere anche accoppiando una cladaia a condensazione (24 kw) con un sistema radiante, si riesce a risparmiare oltre il 30% sul costo del gas.

AF+G ARCHITETTI - Roma


 

Lun, 9:42 afpiug
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS