Home > Riscaldamento E Climatizzazione > Esempio di Schema Impianto Riscaldamento Termosifoni 24 01 2017

esempio di schema impianto riscaldamento a termosifoni

Circa un mese fa mi si è rotta la caldaia (Unical a condensazione da 24 kw) dopo neanche 8 anni dall’installazione. I tecnici che sono intervenuti l’hanno prima ripulita tutta (costo 250 euro), dicendo che non era mai stata pulita dentro da chi ha fatto i controlli periodici di legge che si è limitato a fare solo il controllo fumi.

Dopo la pulizia totale comunque la caldaia non è ripartita e ho dovuto sostituirla con una caldaia a condensazione nuova (Saunier Duval), ne ho presa una al Bricoman di potenza superiore (30 kw) (pagata 1.200 euro, oltre a 300 euro di installazione) perché così posso installare nuovi termosifoni in un piccolo rustico di 25 mq che ho annesso alla mia casa. Volevo a questo proposito chiedervi:

-       Se è giusto il mio ragionamento e se la marca di caldaia acquistata è buona e se ho speso troppo

-       un esempio di schema di impianto di riscaldamento a termosifoni per capire se è compatibile con gli spazi che ho e per capire anche che costi avrei per effettuare questo intervento.

1 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Il punto di partenza non è tanto quello di aumentre la potenza della caldaia, piuttosto quello di equilibrare e distribuire i corpi scaldanti a seconda delle condizioni dell'ambiente da servire.

I parametri che scientificamente intervengono sono generalmente (non esaustivamente):
- tipologia e qualità delle stratigrafie delle frontiere verticali ed orizzontali (fattori di trasmittanza/resistenza, igrometria e inerzia termica)
- volume riscaldato dell'ambiente
- presenza di aperture verso l'esterno
- fattori di esposizione
- latitudine e dati climatici della zona
- fattori ambientali intrinsechi ed estrinsechi

Questi dati confluiscono nel calcolo dei consumi energetici, ovvero l'azione congiunta di dispersioni dell'involucro e la richiesta termica per mantenere la previsione del comfort igrotermico interno.
Stabilite le aliquote sull'ammontare complessivo della richiesta energetica, si deducono la tipologia e numero di corpi scaldanti in funzione della loro capacità di irradiamento.

Accanto a questi parametri vanno considerati:
- efficienza della caldaia (resa)
- efficienza della rete di distribuzione del fluido termovettore (rendimento, perdite di carico ecc.) in base alla tecnologia di impianto

Una volta elaborati i dati si potrà sapere se la caldaia è in grado di operare a regime.

Gio, 19:36 afpiug
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS