Home > Manutenzione Condominio > Definizione Completa di Manutenzione Straordinaria 31 10 2016

definizione completa di manutenzione straordinaria

Per alcuni lavori interni al mio appartamento, in particolare rifacimento del bagno e della cucina, vorrei usufruire delle detrazioni del 50% ma leggendo su internet non ho trovato delle informazioni univoche, ovvero non sono sicura che questi lavori possano rientrare nella manutenzione straordinaria, anzi sembrerebbe proprio che siano di manutenzione ordinaria, eppure ho sentito di tanti che rifanno il bagno usufruendo delle detrazioni 50%.

Chiedo dunque a Voi tecnici una definizione completa e ufficiale (nel senso che valga anche legalmente) di manutenzione straordinaria che sia valida sia per lavori di singoli privati sia per lavori condominiali.

Al di là della definizione, all’atto pratico come faccio a rientrare nella manutenzione straordinaria per i miei lavori?

3 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

La definizione di manutenzione straordinaria è regolata nell’art.3, comma 1, lettera b) del DPR 380/2001, così come modificato dalla DL 133/2014 (cosiddetto decreto Sblocca Italia);

più precisamente:

manutenzione straordinaria: le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino modifiche delle destinazioni d’ uso. Nell’ambito degli interventi di manutenzione straordinaria sono ricompresi anche quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l’originaria destinazione di uso (art. 3, comma 1, lettera b).

Quindi rientrano nella manutenzione straordinaria e possono accedere alla detrazione irpef al 50% anche gli interventi per la realizzazione e il miglioramento dei servizi igienico-sanitari e degli impianti tecnologici.

Per poter accedere alla detrazione irpef al 50% deve naturalmente far produrre ad un tecnico una CILA (comunicazione inizio lavori asseverata), che sarà conssegnata al comune di appartenenza.

Certo se all’interno di un appartamento vengono rifatti il bagno e la cucina senza rinnovare e rifare gli impianti, senza spostare porte e/o demolire e ricostruire tramezzature allora i lavori si intendono di manutenzione ordinaria per cui non possono usufruire della detrazione irpef al 50%.

Per quanto riguarda invece i lavori di manutenzione ordinaria sulle parti comuni del condominio (tinteggiatura delle facciate, rifacimento pavimentazione terrazze, tinteggiatura delle scale, rifacimento dell’impianto elettrico ecc.), questi rientrano nella possibile detrazione irpef al 50%.

Lun, 14:24 alesmarotta
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Una piccola precisazione, alcuni comuni non accettano nemmeno la CILA perchè considerano questi interventi opere di manutenzione ordinaria ( ho addirittura trovato comuni che per sopperire a questo problema hanno creato un modulo disponibile sono agli sportelli con la dicitura "opere di manutenzione ordinaria per opere di tipo straordinario") 

E' invece molto importante, nel caso del rifacimento di impianti che sulla fattura venga specificatoa la natura delle opere, quindi "Manutenzione straordinaria, rifacimento impianti...."

La definizione di manutenzione straordinaria per il fisco non corrisponde a quella edile.

il consiglio è quindi quello di presentare documentazione al comune ( manutenzione ordinaria  o se accettata CILA che sta per comunicazione inizio lavori asseverata, e quindi redatta da tecnico abilitato) per poter usufruire oltre che di recupero 50% anche di iva agevolata per contratti d'appalto che prevedano la fornitura e soprattutto la posa del materiale 

Mar, 11:10 Arch.marika
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Come è stato riportato qui sopra, anche i bagni e le cucine rientrano nella manutenzione straordinaria e quindi nella possibile detrazione del 50 %, sia per privato che per struttura condominiale.

Inoltre il rifacimento del bagno e cucina rientra nella casistica della ristrutturazione interna, opere con iva al 10 % per quanto riguarda le spese di realizzazione e fornitura.

Lun, 16:17 martinabasso.arch
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS