Home > Interventi Strutturali > Software Agli Elementi Finiti E Integrazione con Bim 27 09 2016

software agli elementi finiti e integrazione con BIM

Ultimamente ho sentito parlare del BIM per la progettazione e volevo sapere qual è la differenza tra un software normale e uno BIM in particolare per quanto riguarda il calcolo strutturale. Visto che devo ristrutturare una casa in muratura in una zona sismica e mi sono rivolto ad un ingegnere della mia zona che è esperto in sismica ma quando gli ho chiesto che su usasse il BIM per il calcolo strutturale mi ha risposto che usa un software agli elementi finiti che non ho idea di cosa voglia dire in particolare. Mi potreste spiegare qual è il vantaggio del BIM nel calcolo strutturale e se nel mio caso sia davvero importante?

7 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Io personalmente comincerò un corso di formazione per l'utilizzo del programma Revit. Mi sono informato abbastanza e posso dirti che i vantiaggi del BIM sono:

1) Rapidità nella fase di progettazione, analisi e costruzione dell'edificio (o l'oggetto del progetto)

2) Assemblaggio delle parti della costruzione in maniera immediata ed automatica, con i relativi calcoli già eseguiti

3) Rapidità di passaggio da 2D a 3D

4) Controllo efficente di tutte le porzioni sia in 2D sia in 3D 

Mar, 9:50 arch_dg
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Io conosco bene i prodotti dell'ACCA software e recentemente ho assistito ad un incontro in cui ci hanno mostrato Edificius.
Quello cha hanno fatto vedere è che Edificius è un software BIM per fare progettazione architettonica 3D con rendering in modo molto semplice. 
Si possono integrare funzioni interne di computo metrico, calcolo strutturale, analisi energetica, impianti, sicurezza e manutenzione.
Qui trovi la descrizione del prodotto:
http://www.acca.it/bim-software-progettazione-architettonica-3d
 

Mer, 10:23 Ing. Quatraro
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Il sistema BIM serve soprattutto per lavorare tra vari studi e società, ognuna lavora su un file 3d base e aggiunge-modifica i suoi campi, architettonico, strutturale, impiantistico. Poi con scadenza regolare una persona sarà incaricata di unire i file in uno unico ed in automatico il sistema BIM rileverà gli errori di progettazione, per esempio se uno scarico passa per una trave o se una finestra passa sopra un solaio, e avviserà così da permettere a chi fa il progetto esecutivo di correggerli.

Mer, 15:00 martinabasso.arch
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Le propongo la descrizione fornita direttamente dalla "Software House" ACCA. Sono d'accordo con gli altri professionisti che mi hanno preceduto nel dire che per una ristrutturazione ricorrente, l'approccio "classico" di progettazione strutturale agli elementi finiti F.E.M. unitamente alle altre considerazioni di natura architettonica, rimane più che efficace.

http://www.acca.it/bim-building-information-modeling

Mer, 17:47 ing.studioplb
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Personalmente dopo aver letto i pareri dei colleghi, con cui concordo, e richiamandomi alla sua domanda finale, mi sento di poterle dire che, dovendo redigere un calcolo strutturale, avere il BIM o meno non comporta per lei, in qualità di committente un particolare vantaggio. In effetti è il professionista che eventualmente trae un vantaggio dall'utilizzo del BIM in quanto può così interfacciare il progetto collegandolo a tutte le altre parti che lo costituiscono (vedi aspetto strutturale, di computo, energetico ecc.). in automatico. In effetti, quando si realizza un proeto con il BIM, ogni elemento del manufatto è parametrico e contiene tutti gli elementi che serviranno a caratterizzarlo in tutte la fasi a seguire dello sviluppo del progetto. Di fatto, anche i software odierni per il calcolo strutturale utilizzano elementi parametrici che contengono già gli elementi funzionali al calcolo, proprio come il BIM, che forse come avrà capito non è imprescindibile. In ogni caso, se il tecnico che ha contattato si serve di un programma ad elementi finiti per il calcolo, posso assicurarle che il progetto strutturale sarà sviluppato egregiamente.

Mer, 18:44 pagano.archi
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Il BIM e' un modello 3-D che permette un controllo dal punto di vista architettonico, strutturale e degli impianti totale, la cui cosa permette di avere un controllo di tempistiche e costi continuo e immediato. Se ne parla molto perche' sara' sempre piu' richiesto (e a breve obbligatorio) per appalti pubblici. Molto utile, ma forse per progetti molto complessi. 

In ogni caso per una ristrutturazione come la sua, un software di calcolo agli elementi finiti (ovvero la parte strutturale dell'opera) e' sicuramente sufficientemente efficace. 

 

Mer, 14:11 Ing. Polastri
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 0.
Risposta:

Ol BIM non interessa la committenza, ma i professionisti per lo scambio di informazioni. Nel senso che il BIM permette di lavorare su di un file a 360• tra i diversi professionisti, arch., ing., è così via.

Mer, 14:58 Bartolomeo Fiorillo Architetto Design
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Trova Professionisti GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi Parere GRATIS