Home > Fotovoltaico Pannelli Solari > Dimensionamento Pannelli Solari Termici 05 05 2015

Dimensionamento pannelli solari termici

Sto cercando di ridurre i consumi di gas della mia villetta (porzione di bifamiliare: 150 mq su due livelli, oltre piccola mansarda e taverna 60 mq) e sto valutando la possibilità di installare un impianto solare sul tetto.

Poiché non so nulla dell'argomento, prima di andare in un qualsiasi brico ad acquistare i pannelli "alla cieca", vi chiedo se c'è un metodo rapido per il dimensionamento dei pannelli solari termici a partire dalla superficie, orientamento e inclinazione del tetto.

In tal modo potrei capire quanto spendo e quanto risparmio negli anni e se ne vale la pena...

5 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Concordo con i colleghi dicendo che stiamo parlando di un argomento abbastanza vasto per essere trattato in così poco spazio, ma cercherò comunque di darle qualche indicazione che l'aiutino a fare un po' di chiarezza.

Per prima cosa le consigliere i di valutare l'installazione di una moderna caldaia a gas a condensazione che, oltre ad accedere alle varie detrazioni IRPEF, permette un risparmio immediato di combustibile quantificabile in circa un 30% o più, a seconda di quanto datata sia la sua attuale caldaia.

Secondariamente, potrebbero essere valutate anche altre soluzioni: pompa di calore, caldaia a pellet, termocamino ecc.

Veniamo ai pannelli solari; per una famiglia di 4 persone solitamente i costruttori danno come indicazione due pannelli solari piani abbinati ad un bollitore da 300l mentre per sei persone tre pannelli ed un bollitore da 400l e cosi via.

L' orientamento quello ottimale è sud, sud-ovest.

Per quanto riguarda l'inclinazione, bisogna fare un distinguo tra l'estetica e l'efficacia. Infatti, esteticamente parlando, l'installazione ad incasso e' la migliore ma in questo caso il pannello si trova nella posizione ottimale per assorbire i raggi del sole solo nei periodi in cui questo si trova perpendicolare al pannello stesso.

Di contro, posizionando i pannelli con un angolo di 20-30 gradi in più rispetto all'inclinazione di falda, si riesce a prolungare il!periodo di lavoro potendo sfruttare i raggi del sole anche quando questo si trova più basso sull'orizzonte.

Due parole sulle detrazioni; se è vero che esiste la possibilità di accedere sia a quella del 50% per ristrutturazione edilizia che a quella del 65% per il risparmio energetico, queste vanno ad impattare sulla quantità di IRPEF che viene versata annualmente( da cui si "scaricano" anche le spese mediche, le assicurazioni, ecc.). Tali detrazioni vengono spalmate su un totale di 10 anni.

Esiste però un altro sistema incentivante: il conto energia termico, che permette di ricevere indietro un importo che varia in base alla superfice lorda installata in due anni (utente privato) tramite due bonifici direttamente sul conto del cliente.

Es: superficie di 4 mq lordi  680 €/anno  totale € 1360,00.

Mar, 21:08 cs.consulting13
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

In realtà per un calcolo veloce puo' consultare un qualsiasi sito di produttori pannelli, se non vuole affidarsi ad un professionista del risparmio energetico, che le sconsiglierebbe caldamente un intervento del genere.

Tempi di ammortamento sono superiori al reale risparmio, oltretutto consideri che non può prendere e installare pannelli senza dir nulla (nel senso che le serve anche un professionista che si occupi della pratica in Comune) 

Tenga infine conto, per riallacciarmi alla risposta del collega, che le detrazioni, a meno che lei non abbia un'età avanzata, arrivano negli anni, e non nell'immediato, 

Il che significa che fanno parte di un ammortamento nel tempo. 

Le motivazioni per installare dei pannelli non possono essere solo economiche, altrimenti sono ben più convenienti altri interventi, che possono variare da caso specifico a caso specifico, come un isolamento ah hoc, una caldaia ad alta prestazione (a condensazione o anche no), sostituzione infissi, e altro ancora.

Mar, 11:59 tiziana.avallone
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Buongiorno 

la valutazione della convenienza dell'impianto dipende non soltanto dalla posizione geografica della località in cui ci si trova, dalla esposizione e dalla inclinazione della falda di copertura (che sta a Sud), ma anche dalla tipologia di impianto che si sceglierà e dall'uso che si farà dell'acqua calda prodotta dai pannelli. Esistono varie tipologie di pannelli solari (es. cicolazione naturale, forzata o sottovuoto) che presentano costi e rendimenti differenti e l'acqua calda prodotta da tali sistemi può essere usata semplicemente per produrre una buona parte di acqua calda sanitaria come chiede ad oggi la legge o abbinata ad una pompa di calore e ad un sistema di accumulo per aumentarne la resa che alimenti sia acs che impianto di riscaldamento e diventare quindi completamente indipendenti dal gas. Come può vedere le scelte sono molte da fare prima di capire se e quanto conviene un impianto del genere bisogna chiarirsi bene le idee sul da farsi e affidarsi ad un bravo progettista e ad un installatore serio e competente che la potrano aiutare a spendere i suoi soldi nella maniera migliore possibile. 

Lun, 22:04 Arch. Spirandelli - architettura salubre ed efficiente
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

La risposta è complessa e non può essere esaurita con una semplice risposta. Esiste un orientamento ed un dimensionamento che varia con le esigenze, l'impianto solare di produzione di acqua calda va portato alla caldaia (a condensazione) che a seconda della temperatura richiesta da termosifoni o acqua sanitaria si accende o meno. Esiste la possibilità di sgravi fiscali.

Mar, 10:18 architettomadonna
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Concordo con i colleghi, servono una serie di dati relativi all'immobile, al suo orientamento, alle caratteristiche dell'involucro che comprendono tante varibili la cui sommatoria può essere gestita solo da un esperto del risparmio energetico tramite una specifica prestazione di consulenza professionale.

Mi sento di consigliare in ogni caso di abbandonare la strada del brico anche post valutazione professionale dell'intervento da fare.

Buona ristrutturazione sicura!

Mer, 10:55 uh
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS