Home > Detrazioni E Incentivi > Manutenzioni Straordinaria Senza Abilitazioni 26 11 2015

manutenzioni straordinaria senza abilitazioni

Per una ristrutturazione bagno o rifacimento impianto elettrico, con fatturate pagate come da istruzioni e detratte nel 730, ma senza atto notorio e pratica comunale (non necessaria in caso di intervento invasivo su bagno ma senza spostamento di muri): credete che ci possano essere problemi con l'Agenzia delle Entrate?

5 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Esistono diversi tipi di interventi edilizi e la loro definizione è importante perché per attuarli è necessario presentare un titolo abilitativo piuttosto che un altro e ai fini delle detrazioni irpef, per  capire se è possibile o meno usufruire del bonus fiscale.

Le definizioni dei diversi interventi edilizi sono contenute nell'art. 3 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, il D.P.R. n. 380 del 6 giugno 2001 dove sono definite le seguenti tipologie di intervento: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia , nuova costruzione, ristrutturazione urbanistica.

Quando si parla di detrazioni fiscali per interventi edilizi su edifici esistenti, vengono definiti in maniera generica interventi di ristrutturazione, mentre la normativa edilizia distingue in maniera chiara e precisa diverse forme di intervento.

In particolare, la detrazione riguarda le spese sostenute per interventi di manutenzione straordinaria, per le opere di restauro e risanamento conservativo, per i lavori di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze.

Gli interventi di manutenzione ordinaria che  comprendono ad esempio la sostituzione di apparecchi igienico sanitari e riparazioni dell'impianto idrico, la  manutenzione obbligatoria periodica di caldaie e degli impianti di riscaldamento; la riparazione dell'impianto elettrico o integrazione con nuovi punti luce sono in genere  eseguibili senza alcun titolo abilitativo e quindi definiti di attività edilizia libera, ma NON possono usufruire di detrazione Irpef del 50% se eseguiti su edifici privati. Nel caso di edifici condominiali, invece, è fatta eccezione se si tratta di interventi eseguiti sulle parti comuni.

Gli interventi di manutenzione straordinaria sono le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico - sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso. Ad esempio comprendono la realizzazione, il rifacimento o integrazione di servizi igienico – sanitari; il rifacimento o modifica integrale degli impianti anche con installazione di pannelli solari o fotovoltaici;

Per gli interventi di manutenzione straordinaria è necessario presentare in comune, prima dell'inizio dei lavori, una Comunicazione di Inizio Lavori (C.I.L, C.I.A. o C.I.A.L.), ed accompagnata da tutti gli elaborati grafici e documenti necessari.  La documentazione attestante l'inizio lavori è corredata dall'asseverazione di un tecnico che dichiari la conformità delle lavorazioni agli strumenti urbanistici e ai regolamenti edilizi vigenti, la compatibilità con la normativa in materia sismica e con quella sul rendimento energetico e l'assenza di modifiche alle parti strutturali dell'edificio.

La comunicazione deve contenere, infine, i dati identificativi dell'impresa alla quale si intende affidare la realizzazione dei lavori. Inoltre  bisogna ottemperare all'obbligo di rispetto delle prescrizioni in materia di sicurezza e presentare la notifica preliminare all'ASL nel caso ne ricorrano i presupposti, cioè nel caso in cui intervengano almeno due imprese anche non contemporaneamente. Infine, quando i lavori comportino una modifica della distribuzione interna dell'edificio, o la presenza di nuove aperture, prima che i lavori siano terminati, bisognerà provvedere alla richiesta di variazione catastale ed allegare la relativa ricevuta alla comunicazione di fine lavori. Gli interventi di manutenzione straordinaria  possono usufruire della detrazione irpef del 50% e, visto che tra di essi rientrano anche le opere per l’efficienza energetica, di detrazione 65%

Un'altra distinzione importante va fatta in base alla tipologia dell'immobile: della detrazione 50%, infatti, possono godere solo gli edifici residenziali, di quella del 65%, invece, tutte gli edifici, di qualunque categoria catastale.

Mar, 9:27 Arch. Stefano Tanci
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

La ristrutturazione del bagno compresi massetto e impianti idrico-sanitari fa parte della manutenzione straordinaria e come tale fruisce della detrazione fiscale.

Le sola sostituzione dei sanitari e magari del rivestimento e del pavimento, senza quindi intervenire sulle tubature,  ricade nella manutenzione ordinaria e non fruisce della detrazione.

I lavori di manutenzione straordinaria per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici sono soggetti alla presentazione nel proprio comune di SCIA; nel caso del bagno i lavori utili per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari sono soggetti a CILA che non comportano interventi strutturali.

Per cui nel suo caso per il rifacimento del bagno e voler usufruire della detrazioni dovrebbe, attraverso un tecnico competente, presentare comunicazione al comune e  effettuare i pagamenti tramite bonifico bancario apposito per i lavori di ristrutturazione.

Mar, 15:34 silviagambula
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Secondo la lettera b), comma 1, articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, come modificato dal decreto legge 133/2014 (comma 1, articolo 17),  sono "interventi di manutenzione straordinaria le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino modifiche delle destinazioni di uso."

la questione è molto controversa anche se il vademecum dell'agenzia delle entrate parla chiaro: "sono comprese le attività legate alla sostituzione dell’impianto elettrico  o integrazione per messa a norma e alla Sostituzione o riparazione dell'impianto idrico con innovazioni rispetto al preesistente. In questi casi la normativa non preveda alcun titolo abilitativo per la realizzazione degli interventi ma va effettuata una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, resa ai sensi dell’art. 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed attestata la circostanza che gli interventi di ristrutturazione edilizia posti in essere rientrano tra quelli agevolabili, pure se i medesimi non necessitano di alcun titolo abilitativo, ai sensi della normativa edilizia vigente."

Mar, 23:46 Arch. Spirandelli - architettura salubre ed efficiente
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Si perché va presentata almeno una scia e vanno effettuati i pagamenti con bonifici per poter usufruire delle detrazioni.

Ven, 17:01 Bartolomeo Fiorillo Architetto Design
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Leggendo il vademecum 2015 dell'Agenzia delle Entrate reletivo alle ristrutturazioni, le lavorazioni che Lei intende eseguire sono ammesse, quello che va capito è se il regolamento edilizio del comune dove Lei risiede considera queste lavorazioni come "manutenzione ordinaria" che non necessitano di un titolo edilizio redatto da un tecnico professionista, perchè in questo caso, come scritto nel vademecum, le "manutenzioni ordinarie" sono considerate solamente quando riguardano le parti comuni condominiali e non private.

Mer, 15:07 vecchio.franchi
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS