Home > Coibentazione Isolamento > Scelta Soluzione Coibentazione Interna 11 01 2017

scelta soluzione coibentazione interna

Da alcuni mesi ho deciso di realizzare il cappotto esterno alla mia abitazione (una villetta a schiera compresa tra due villette adiacenti) ma praticamente mi è stato impedito dal condominio e dai vicini che non vogliono farlo per le loro villette e che non vogliono che risulti un dislivello tra la mia facciata e la loro.

Quindi non mi resta che indagare la possibilità di realizzare una coibentazione interna ma non vorrei neanche ridurre troppo gli spazi interni. Chiedo dunque a voi esperti un indicazione delle migliori soluzioni oggi disponibili sia in termini di materiale che di spessore che di facilità di posa per la coibentazione interna. Nel caso posso comunque ottenere le detrazioni del 65%? Devo anche nominare un tecnico che faccia i calcoli delle dispersioni e a pratica delle detrazioni?

 

3 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Le soluzioni attualmente disponibili in commerciio coprono diverse esigenze specifiche. Tuttavia la scelta di un sistema di isolamento termico comporta una valutazione a priori del rapporto effetti/benefici che una soluzione piuttosto che l'altra possono offrire.
Tali valutazioni sono eseguibili esclusivamente da personale qualificato ed abilitato in grado di redigere una perizia energetica dell'immobile al suo stato attuale, e proporre la soluzione più idonea a garantire il ricercato comfort termo-igrometrico interno, rispettando la normativa di specie.

A seconda della tipologia e tecnologia costruttiva, il periodo di costruzione e lo stato di conservazione dell'immobile, è possibile optare per diversi sistemi di coibentazione, che nel caso in esame si possono ridurre ai medesimi elencati dal collega:

- realizzazione di un rivestimento interno anche sfruttando pannelli sandwitch con b.a. ad altissima efficienza come il preaccoppiato poliuretano espanso-cartongesso prodotto ad esempio da STIFERITE che può essere letteralmente incollato alla parete tramite collanti speciali e tasselli: questo particolare prodotto permette di ridurre al minimo l'ingombro a totale vantaggio dell'assenza di ponti termici; Tale soluzione ha un costo di fornitura che si aggira intorno ai 15 €/mq
- insufflaggio (nell'ipotesi di un edificio con struttura in c.a. e tamponature a cassa vuota) di fibre di cellulosa nella intercapedine, come propone ad esempio ISOLARE.

Le due soluzioni (detraibili) garantiscono, rispetto ad un cappotto vero e proprio (esterno) una maggiore rapidità della climatizzazione dell'ambiente, ma, di contro, non possono sfruttare l'inerzia termica della parete e sono quindi soggette ad un basso (se non nullo) accumulo.

Mer, 15:05 afpiug
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Per isolare un ambiente/immobile io consiglio sempre 2 metodologie:

1) Realizzazione cappotto interno (con pannelli Corkpan)

2) Inserimento coibente tramite insufflaggio all'interno dell'intercapedine.

Io personalmente ho provato in alcune situazioni questa metodologia (insufflaggio) di lavoro e si è guadagnato prestazioni termiche e non si è ridotto di nemmeno un mm lo spazio della casa (si lavora all'interno della stratigrafia muraria).

Ovviamente consiglio un sopralluogo tecnico con anche un professionista che redige relazioni tecniche energetiche dove può effettivamente nel suo caso stabilire il guadagno termico che andrà a ricevere.

Ovviamente può detrarre le spese.

Mer, 11:08 arch_dg
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Buongiorno, la risposta Le arriverà tardiva e mi auguro che abbia già risolto.

Rispetto alle risposte precedenti, il mio consiglio è di optare per un rivestimento interno in pannelli ai silicati di calcio, sicuramente il miglior prodotto per cappotti interni (materiale naturale traspirante e buon regolatore di umidità). Sono sufficienti pochi cm, incollati con apposita malta direttamente sulle pareti perimetrali... ma attenzione a farli risvoltare sulle pareti laterali e sul soffitto per circa 10-15 cm, altrimenti non risolverà il problema dei ponti termici (che non riuscirebbe a risolvere nemmeno con l'eventuale insuflaggio in intercapedine, in corrispondenza di pilastri e solette).

Cordialità

Mar, 9:20 arch Rina Agostino
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS