Home > Coibentazione Isolamento > Pannelli Fonoassorbenti Cartongesso 04 12 2015

pannelli fonoassorbenti in cartongesso

Vi scrivo per chiedervi un consiglio: mio figlio suona la batteria da due anni, inizialmente poteva suonarla solo a lezione, quindi nessun problema… Ma al suo compleanno gliene hanno regalata una e, da due mesi a questa parte, quasi tutti i pomeriggi e sere (per non parlare del weekend) si mette a fare le prove. I vicini ci hanno gentilmente detto che la situazione quotidiana sta diventando insostenibile ed in effetti non hanno tutti i torti, poiché anche per me a volte diventa “pesante”.

Informandomi su internet per trovare una soluzione al problema ho visto che esistono dei pannelli fonoassorbenti in cartongesso, secondo voi potrebbero rivelarsi davvero efficaci o meglio utilizzare un altro materiale fonoassorbente? Avevo pensato di far insonorizzare la sua cameretta che misura 3,5m x 4 ed ha un’altezza di 3 m, sapreste eventualmente dirmi anche un prezzo indicativo?

4 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Il problema dell'acustica è spesso più complicato di come lo presentano i vari venditori di materiali. Mi spiego meglio, il suono o rumore si propagano in due modi: 1 in maniera diretta attraverso la parete; 2 in riverbero attraverso le strutture che si collegano alla parete stessa (solaio, pavimento, altre pareti)

La propagazione diretta del punto 1 può essere isolata acusticamente attraverso dei sistemi che funzionano con il concetto di massa-molle-massa. In parole povere abbiamo bisogno di un sistema isolante composto da tre elementi, uno rigido di partenza tipo pannello in fibrogesso (che può essere sostituito da una parete esistente massiva ma non da una in forati o tavelle), un isolamento flessibile (consiglio fibra di legno da 55kg che ha anche ottime capacità igrometriche necessarie per ristrutturazioni interne se si vuole evitare la formazione di muffa e condensa) ed infine una lastra di finitura rigida (sempre fibrogesso). In tutti i casi cosiglio di cercare produttori di sistemi completi certificati (es. Naturalia-BAU parete fono-assorbente 47db) e sopratutto verificare che la certificazione allegata al sistema sia stata effettuata da un ente terzo (di solito università o centri di ricerca nazionali o europei)

Per quanto riguarda la propagazione invece attraverso le altre sturtture, per ottenere un risultato sicuro si dovrebbe rivolgere ad un esperto che conosca bene l'argomento sia in progettazione che in posa.  si dovrebbe utilizzare dei distanziatori acustici, staccare il massetto, correggere il ponte acustico delle pareti laterali (operazioni complicate e che possono comportare notevoli spese professionali e di posa). Per questo motivo su interventi più contenuti come quello da lei descritto normalmente si procede soltanto alla limitazione della diffusione diretta del rumore (punto1) essendo però coscienti ed informati che inevitabilmente parte del rumore non potrà essere fermato.

Il costo al mq è di circa 30€ soltanto di materiale e altri 30/40€ di posa in opera.

p.s. sconsigliatissimi i sistemi preaccoppiati in cartongesso + isolamento sintetico, che sono quelli più a buon mercato, poichè anche se certificati (controllare bene chi ha certificato la prestazione) potrebbero comportare la formazione di muffe interne.

Ven, 18:09 Azero studio
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Conosco bene il problema dato che sono io stesso batterista.

Per isolare acusticamente una stanza dove si suona uno strumento come la batteria si dovrebbe intervenire in maniera importante isolando acusticamente tutte le pareti. In pratica si dovrebbe costruire una "stanza nella stanza", realizzata in vari strati di cartongesso e lane minerali,  le cui pareti saranno il più possibile desolidarizzate dalle strutture esistenti  attraverso materiali visco elastici opportunamente dimensionati. 

Dato che quanto appena descritto risulterebbe troppo oneroso io consiglio cambiare le pelli della batteria classiche con delle pelli MESH ( sono delle pelli che emettono un poco rumore quando colpite - costano poco). Tali pelli consentiranno di ridurre considerevolmente il rumore aereo generato all'interno dell'ambiente dove si suona lo strumento. Dopodiché resta il problema di isolare le vibrazioni meccaniche prodotte. Questo si può realizzare in maniera semplice creando un "palchetto" con pannelli di lana di roccia di adeguata densità e spessore e doppio tavolato in legno tipo o OSB3 ed MDF di almeno 18mm ognuno di spessore.

I pannelli fonoassorbenti a questo punto potrebbero essere applicati nell'ambiente per migliorare il comfort acustico interno;  questi pannelli non serviranno però praticamente a nulla per quanto riguarda l'isolamento acustico verso i vicini.

Sab, 15:28 ing.rattini
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Tra la fornitura e la posa in opera deve considerare un prezzo che si aggira intorno alle 40 Euro/mq.

Ven, 15:24 ra.studio
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 0.
Risposta:

Lasci perdere soluzioni di questo tipo ... non servono per una batteria

Valuti invece la possibilità di realizzare un box insonorizzato ... è sicuramente la soluzione migliore ... suonando anch'io questo strumento avevo valutato la stessa problematica.

Lun, 15:25 architettocasati
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS