Home > Coibentazione Isolamento > Freschi Destate E Caldi Dinverno Qual È Lisolante Più Adatto Al tuo Tetto

freschi d'estate e caldi d'inverno? qual è l'isolante più adatto al tuo tetto?

di Sergio Orlando
pannelli_coibentati

Stai pensando ad una soluzione per proteggere la tua casa dal caldo e, allo stesso tempo, proteggerla dal freddo? Leggi questo articolo e troverai tutte le informazioni utili per scegliere i migliori pannelli coibentati per il tuo tetto in tutta sicurezza!

Si sa che certe case in estate diventano quasi dei forni, “obbligando” chi vi abita ad accendere impianti di raffrescamento come i condizionatori, mentre in inverno bisogna alzare iil riscaldamento al massimo per ottenere un po’ di calore; questo comporta un dispendio energetico ed economico non indifferente. La soluzione a questo problema è la coibentazione o isolamento del tetto: coibentare significa diminuire le dispersioni di calore all’esterno della casa ed allo stesso tempo impedire l’ingresso del caldo durante la stagione estiva.

VANTAGGI

L’isolamento del tetto è attualmente un tema molto sentito: permette una riduzione dei consumi, dona maggior confort alla casa, rende l’ambiente più salubre e spesso permette di evitare i fenomeni di condensa, risolvendo il problema di formazione di muffe e batteri alle pareti o sui soffitti. Oltre a risparmiare in inverno, otterremo un vantaggio anche in estate, perché l’uso del condizionatore verrà ridotto e di conseguenza anche il consumo dell’energia elettrica. Inoltre, l’isolamento termico, può anche migliorare l’isolamento acustico della casa contribuendo al miglioramento del comfort generale.

Per quanto riguarda la spesa, l’isolamento termico è un buon investimento che si ripaga in due o tre anni nella maggior parte dei casi, in 6-7 anni nei casi più complessi. È un investimento a lunga durata, in quanto la vita degli isolanti è di oltre 50 anni.

UN OCCHIO ALL’ AMBIENTE

Un occhio di riguardo anche all’ambiente: l’inquinamento dovuto allo sfruttamento indiscriminato delle risorse che è stato fatto nell’ultimo secolo, rischia di portare al degrado l’ambiente in cui viviamo, con danni incalcolabili per tutta l’umanità. L’energia che utilizziamo per riscaldare le nostre case proviene da combustibili fossili, come il gasolio e il metano, che causano l’emissione di anidride carbonica, che è la responsabile dell’effetto serra e dei cambiamenti climatici del pianeta; nel nostro piccolo, l’utilizzo di materiali isolanti, insieme ad altre energie rinnovabili, è ciò che possiamo fare per contribuire a salvaguardare l’ambiente e garantire una migliore qualità della vita alle generazioni future.

Se tutte le case italiane fossero isolate, si potrebbe risparmiare il 20% dell’anidride carbonica emessa annualmente in atmosfera dall’Italia e rendere un buon servizio al pianeta come prescritto dal protocollo di Kyoto.

COME FUNZIONA LA COIBENTAZIONE

Il tetto è uno dei punti più delicati della casa: l’isolamento termico è responsabile dell'equilibrio termico di tutto l'edificio. E' necessario quindi scegliere adeguatamente i pannelli coibentati per coperture.

In inverno il calore tende a salire e, se non incontra sufficiente resistenza, si disperde all’esterno, costringendoci ad aumentare la temperatura interna; in estate il sole scalda il tetto e di conseguenza gli ambienti, provocando un caldo a volte insopportabile che ci fa correre ai ripari accendendo il condizionatore.

Sarebbe sufficiente coibentare adeguatamente i tetti delle nostre abitazioni per evitare dispersioni termiche e ridurre drasticamente i consumi energetici.

Bisogna considerare le proprietà di isolamento del materiale e scegliere isolanti ad alto spessore: una coibentazione più “pesante” ci darà risultati migliori, in quanto la capacità massica di un isolante (kg/metro cubo) è un fattore molto importante. Un isolante più massivo assorbe energia rallentando il passaggio del calore del sole, che farà quindi più fatica ad attraversarlo e la quantità di calore che giungerà all’interno sarà molto bassa. L’ideale sarebbe utilizzare un isolante con un determinato spessore ed una massa in grado di “resistere” 8-10 ore, che sono le ore in cui il sole ha più energia per scaldare; al tramonto il sole avrà meno energia e non riuscirà più a scaldare sufficientemente per riuscire a superare l’isolante e scaldare gli ambienti.

MATERIALI E OPERAZIONE DI ISOLAMENTO

Per isolare bene un edificio si possono utilizzare molte tecniche costruttive e vari materiali, la cui scelta dipende dal luogo, dall’intervento e dal risultato da conseguire. L'operazione di isolamento inoltre è facile e veloce: per una coibentazione dall’esterno si può abbinare ad altri lavori di ristrutturazione o manutenzione come installazione di pannelli fotovoltaici, impermeabilizzazione del tetto, ecc o direttamente in fase di costruzione; per una coibentazione dall’interno, si può intervenire senza rimuovere la copertura e, se si riesce ad applicare l’isolante tra le travi del tetto, non si va nemmeno a perdere lo spazio.

I materiali isolanti più utilizzati sono il polistirene espanso, la fibra di legno, il sughero, il poliuretano, la lana di roccia e la fibra di vetro; la scelta del materiale isolante è importante, però non è semplice e richiede l’intervento di un professionista esperto che conosca molto bene i vari materiali, la zona in cui si trova il tetto da coibentare insieme alle caratteristiche della struttura da isolare, confrontandosi con il cliente in merito alle prestazioni che si desiderano ottenere.

Se vuoi confrontare alcuni preventivi per scegliere i migliori pannelli coibentati per il tuo tetto, affidati ad un nostro professionista di fiducia cliccando il link seguente: 

 

Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS