Home > Coibentazione Isolamento > Come Isolare il Tetto 04 01 2016

come isolare il tetto

Ho un problema da sottoporre alla vostra attenzione. Ho appena deciso di trasformare il sottotetto della mia abitazione in uno spazio abitabile, visto che le altezze lo permettono. Al momento però il mio tetto non dispone di aperture nè tantomeno di un isolamento adeguato. Potrei avere da voi delle indicazioni riguardo a come intervenire, soprattutto in merito al tipo di isolante per tetti e serramenti che è meglio usare in una condizione di sottotetto adibito ad abitazione?

5 Risposte:
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 3.
Risposta:

Come detto dal collega, va tenuto conto della zona climatica di residenza e comunque io opterei per un tetto isolato e ventilato con il seguente pacchetto:

- orditura principale in legno di abete lamellare (capriate, travi di colmo, radici, ecc.);

- orditura secondaria in legno di abete lamellare o KVH (travetti);

- perlinatura in legno di abete spessore minimo 20 mm;

- guaina impermeabile e traspirante;

- isolamento in fibra di legno o poliuretano espanso di adeguato spessore verificato da un termotecnico contenuto da listelli di legno di abetedi altezza adeguata alla formazione di spazio di ventilazione;

- assito grezzo in legno di abete spessore minimo 20 mm;

- guaina impermeabile e traspirante;

- listellatura di ventilazione in legno di abete;

- listellatura porta tegole in legno di abete;

- tegole in cotto;

- lattonerie (scossaline, converse, canali e pluviali) in lamiera di rame od alluminio preverniciato.

Per i serramenti vi sono varie tipologie costruttive, personalmente io preferisco il legno di pino lamellare spessore minimo del telaio 68 mm. 

Lun, 14:04 vecchio.franchi

Quando entrò in vigore la Legge Nazionale n. 10/91 relativa al risparmio energetico degli edifici l'Italia venne divisa in 6 fascie climatiche (da A a F) a seconda della collocazione rispetto ai punti cardinali, ossia fascia A sud via via a salire fino alla fascia F zone alpine.

Tali fascie sono rimaste invariate anche con le nuove normative nazionali, ma che nel frattempo si sono adeguate alle richieste europee come limiti da rispettare relativamente alla trasmittanza.

Per informazioni dovrebbe rivolgersi ad un professionista (geometra, architetto, ingegnere, ecc.) del luogo che si avvale della collaborazione di un termotecnico che è in grado di progettare l'isolamento più consono alle Sue esigenze.

Le consiglio di valutare bene l'isolamento interno in quanto riduce lo spazio libero interno ed inoltre visto il tipo di copertura in latero-cemento deve valutare attentamente la futura formazione di condensa e muffe all'interno.

- vecchio.franchi - Mar, 8:40 -

Salve, il tetto non è il legno ma in pignatte e getto di cemento. Pensavo di intervenire dall'interno per evitare a meno che non sia strettamente necessario di adoperare un ponteggio. Vorrei un materiale che mi aiuti a mantenere la temperatura gradevole sia in inverno che in estate (sopratutto in estate perchè usando questo spazio come ripostiglio devo dire che risulta invivibile, anche se attualmente non sono installate finestre ma solo una piccola botola per uscire in copertura). La zona climatica cosa sarebbe? Da chi posso informarmi? Grazie

- filo77 - Mar, 0:05 -

Buona sera, le informazioni non sono sufficienti per dare un consiglio, mi sembra di capire che non volete rifare il tetto ma coibentarlo, cosa possibile sia dal sotto (intradosso) che da sopra (extra dosso) . La seconda ipotesi è migliore xchè consente di creare un tetto ventilato, creando un confort maggiore in estate ma naturalmente è necessario fare una pratica presso il comune. La pratica è necessaria anche per aprire lucernari od abbaini. Per avere diritti agli incentivi fiscali per il risparmio energetico la coibentazione deve essere tale da far raggiungere al pacchetto del tetto (compresa la struttura esistente) i parametri di trasmittanza di legge, per questo sono necessarie molte più informazioni: tipo di struttura, di copertura, zona climatica....la scelta del materiale dipende poi da convinzioni personali: c'è chi vuole solo materiali naturali, di portafoglio; i derivati del petrolio costano meno, e dagli spessori che si vogliono/ possono raggiungere: ci sono materiali speciali con prestazioni molto alte in soli 3 cm di spessore. 

Adele

 

- adele - Lun, 20:10 -
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Premesso, come già sottolineato dai miei colleghi, che bisogna tener conto della zona climatica, per l'isolamento del tetto consiglierei un doppio strato in fibra di legno a diversa densità e con spessore di almeno 8/10 cm; oppure, se vuole risparmiare qualcosa, metterei almeno 8 cm di isotec più 4/5 cm di celenit o fibra di legno ad alta densità.

Lun, 17:58 elena.garello
Se ritieni interessante la risposta votala:su
voti ricevuti: 2.
Risposta:

Non posso che confermare quanto detto dai colleghi ma vorrei porre ancor di più l'accento sul l'importanza della zona climatica in cui ci troviamo.

La fibra di legno è altamente performante e la stratigrafia descritta da uno dei colleghi è senza dubbio la migliore. Tuttavia se stessimo parlando di zone miti si potrebbe optare per soluzioni più snelle, a partire da una lana piuttosto che una fibra e dallo spessore della stessa che è quasi direttamente proporzionale ai massimi delta raggiungibili tra temperature esterne ed interne.

Inoltre qualora il manto di copertura fosse in ottimo stato si potrebbe anche valutare un intervento interno, che non consentirebbe una ventilazione (a meno che non ci sia già), ma avrebbe un impatto inferiore in termine anche di costi con soluzioni contenute ma ugualmente efficaci.

Ribadisco che il tutto è vincolato alla zona Climatica e alle condizioni del sottotetto del quale è senza dubbio inevitabile un idoneo sopralluogo.

Lun, 19:15 ing.elenamancuso

Se prova a dirci la provincia o la regione in cui vive possiamo aiutarla noi in maniera molto più veloce.

In caso contrario inizi a farsi un'idea tramite i vari link che potrebbero saltar fuori con la ricerca delle parole "trasmittanza zone climatiche Italia".

Saluti.

- ing.elenamancuso - Mar, 5:05 -

La ringrazio molto per l'aiuto. Come posso sapere la zona climatica? 

- filo77 - Mar, 0:08 -
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

L'isolamento della copertura si può fare con svariati materiali ma c'è un'ucica soluzione a mio avviso valida per aumentare il comfort dei locali sia in Inverno che in Estate: realizzare un isolamento in fibra di legno ad alta densità di adeguato spessore e al di sopra uno strato di ventilazione per evitare surriscaldamento estivo. Il tutto andrà adeguatamente protetto con teli a tenuta all'aria e traspiranti. Lo spessore dell'isolamento dipende dalla zona termica in cui si trova l'immobile ed è comunque variato rispetto al 2015 in quanto sono entrate in vigore norme più restrittive in tal senso. Per le finestre è bene optare per buoni prodotti installabili in pendenza almeno a doppio vetro bassoemissivo e con sistema di oscuramento esterno (oggi obbligatorio per legge) ma quello che va curato è soprattutto la posa delle stesse, in quanto un errore in questa fare potrebbe comportare la formazione di condensa lungo il bordo. In alterativa potrete chiedere ad un tencico competente che valuti se il regolamento edilzio della vostra zona consente la realizzazione di un abbaino, una soluzione che migliorerebbe la vivibilità della vostra mansarda. 

Lun, 9:31 Arch. Spirandelli - architettura salubre ed efficiente
Se ritieni interessante la risposta votala:su
1 utente ha votato.
Risposta:

Condivido quanto appena detto dai colleghi, aggiungo che andrebbe sempre fatto un sopralluogo per verificare sia per i costi da sostenre che la fattibilità di soluzioni da adottare (ad esmpio abbaini, finestre a tetto, possibile spessore di isolamento termico in base alla conformazione etc.). In tutti i casi darei importanza alla luce naturale ed all'isolamento termico in linea con i parametri per ottenere le detrazioni fiscali per il risparmio energetico.

 

Lun, 15:44 giampaolobrilli
Con RistrutturoSicuro ottieni i migliori preventivi
Chiedi preventivi GRATIS
Vuoi una valutazione preliminare del costo dei tuoi lavori?
Chiedi parere GRATIS